Martedì, Maggio 30, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

Antonio Premazzi

Antonio Premazzi

Nato a Tradate il 26 gennaio 1975, si è diplomato perito elettronico nel 1994. Dal 1996 è impiegato tecnico dell’industria metalmeccanica. Iscritto al Club Alpino Italiano dal 1996, pratica speleologia dal 1998 prima con il Gruppo Speleologico CAI Varese poi, dal 2003, con Speleo Club CAI Erba e progetto InGrigna!. Ha partecipato a esplorazioni nelle aree carsiche di Campo dei Fiori (VA), Costa del palio (LC), Presolana (BG), Triangolo Lariano (CO), Grigna (LC) e Piani di Bobbio e Artvaggio (LC-BG). Nel corso del 2014 è stato nominato Istruttore Sezionale di Speleologia del CAI. Ha al suo attivo la pubblicazione di oltre cento articoli riguardanti l’attività speleologica e dal 2011 è redattore della rivista Speleologia edita da Società Speleologica Italiana. Vive a Varese con la compagna Luana e la gatta Nosè.

Piani di Bobbio e di Artavaggio

Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
I Piani di Bobbio e di Artavaggio si trovano nelle Prealpi Lecchesi e sono costituiti da una successione di altipiani in quota (1600–1800 metri) delimitati da una catena di cime che si estende quasi parallelamente alla Valsassina. L’area è nota come importante comprensorio sciistico invernale e rappresenta…

Speciale "La montagna sottosopra"

Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
Le nostre valli, un vero paradiso tra laghi e monti, si adagiano tra vette di incomparabile bellezza che ai primi freddi si mostrano candide all’orizzonte. Un incredibile richiamo per gli appassionati di trekking e di alpinismo che si inoltrano per sentieri, tratturi (le strade della transumanza), avert…

Speciale "La montagna sottosopra"

Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
La montagna sottosopra Itinerari sotterranei Le nostre valli, un vero paradiso tra laghi e monti, si adagiano tra vette di incomparabile bellezza che ai primi freddi si mostrano candide all’orizzonte. Un incredibile richiamo per gli appassionati di trekking e di alpinismo che si inoltrano per sentieri, tratturi…

Campo dei fiori

Venerdì, 16 Settembre 2016 00:00
  Il monte Campo dei Fiori rappresenta la prima significativa elevazione prealpina nel territorio dei sette laghi. La sua sagoma, insieme a quella del Lago, caratterizza il panorama della città bosina. La vicinanza al centro urbano, unita alla facilità di accesso, ne fa un’area molto frequentata e strettamente legata al tessuto della città stessa. Ma…

Zelbio

Sabato, 23 Luglio 2016 00:00
  Il 9 aprile 2016 ha rappresentato una data storica per la frequentazione umana del Complesso della Valle del Nosè. Il complesso carsico è stato, infatti, la sede di un evento inusuale: il primo tratto della grotta di Zelbio è stato attrezzato in maniera da essere trasformato…

Nel cuore del Grigione

Martedì, 01 Marzo 2016 00:00
  La montagna lecchese presenta al suo interno un sistema di vuoti sotterranei tra i più significativi in Italia.   Il massiccio delle Grigne costituisce la parte più occidentale delle Alpi Orobie. La sua complessa struttura geologica può essere sintetizzata in quattro scaglie parzialmente sovrapposte l’una all’altra…

La speleologia lombarda

Giovedì, 28 Gennaio 2016 00:00
Grazie alla collaborazione con la Camera di Commercio di Como gli speleologi lombardi hanno avuto modo di partecipare alla manifestazione internazionale attraverso un piccolo spazio espositivo. Dal 1 Maggio al 31 Ottobre 2015 a Milano si è svolta, infatti, l’Esposizione Universale, che ha visto confluire nel capoluogo…

Auguri Speleo Club CAI di Erba

Giovedì, 02 Aprile 2015 00:00
Nel corso del 2015 Speleo Club CAI Erba (SCE) compirà quarant’anni. Il sodalizio speleologico, attivo in seno alla sezione del Club Alpino Italiano della città di Erba, fu fondato infatti l’8 maggio 1975. L’interesse per il mondo sotterraneo era comunque già vivo nei soci fondatori tanto da…

Chiare fresche verdi acque

Lunedì, 23 Febbraio 2015 00:00
  I paesaggi carsici sono, per la maggior parte, privi di corsi d’acqua superficiali e, più in generale, di un reticolo idrografico ben organizzato: le acque meteoriche provenienti dalle precipitazioni e dalla fusione della neve vengono, infatti, rapidamente assorbite a livello delle fessure e delle cavità della…

Ricerca per Numero

Ultimo numero: 143

Numero

Categoria

Accesso Abbonati

COMMENTI

SPONSOR