Venerdì, Novembre 24, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

Veddasca

La valle della beatitudine

Vota questo articolo
(0 Voti)
  Se alla confusione e al traffico che caratterizzano d’estate le sponde dei laghi lombardi preferite la tranquillità, la valle Veddasca, che occupa la parte più settentrionale della provincia di Varese e si addentra per oltre dieci chilometri fra le montagne, perdendo di vista il lago Maggiore, fa sicuramente al caso vostro. È una valle, solitaria e selvaggia, conosciuta per le suggestive caratteristiche ambientali e interamente solcata dal torrente Giona, che dal Monte Tamaro scende verso il Lago Maggiore. Il…

Museo d'arte sacra di Scaria

Il nuovo progetto espositivo

Vota questo articolo
(0 Voti)
    Venerdì 27 marzo un evento molto speciale ha interessato la Valle D’Intelvi: la riapertura al pubblico del Museo d’Arte Sacra di Scaria. Sorto nel 1966, il Museo Diocesano di Scaria è situato in un edificio costruito negli anni Sessanta, vicino alla chiesa di Santa Maria, che custodisce gli stucchi e le pitture dei fratelli Carloni. In occasione della recente inaugurazione il parroco della piccola frazione di Lanzo d'Intelvi, Don Remo Giorgetti, ha salutato il folto pubblico presente, sottolineando…

Lanzo d'Intelvi

Misteri e fascino ad alta quota...

  • Numero: 128
  • Venerdì, 03 Luglio 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
È un ridente paesino di 1500 anime, a quasi mille metri d’altezza, un piccolo ma ricco tesoro incastonato nella suggestiva Val D’Intelvi. Lanzo, denominazione derivante probabilmente da Landefreus, nome proprio germanico, è un luogo magico, comprendente le frazioni di Scaria (nel Medioevo “Scalia”, secondo alcuni da “scala”, secondo altri da “scario”, colui che raccoglieva gabelle per il monastero di Sant’Ambrogio a Milano, che vantava in zona ampi possedimenti), che racchiude in sé misteri non ancora svelati dalla notte dei tempi.…

Villa del Grumello

Un parco ritrovato

  • Numero: 128
  • Venerdì, 03 Luglio 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il patrimonio artistico e naturalistico del Lario è veramente inesauribile! Dal 10 maggio Como ha un altro parco sontuoso, dove il pubblico può passeggiare fra secolari alberi esotici ammirando lo stupendo paesaggio del primo bacino del lago. Grazie alla lungimiranza, all’impegno e alla sensibilità di alcuni comaschi, il territorio che circonda la Villa del Grumello è stato, infatti, strappato all’incuria e all’abbandono, che lo stavano distruggendo, per farne un luogo dove passare  piacevoli momenti di riposo. Dopo accurati lavori di…

Miracolo a Milano... e dintorni

La (ri)nascita delle chiuse leonardesche dell'Incoronata

  • Numero: 127
  • Giovedì, 18 Giugno 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Con i suoi cinquanta chilometri è il più lungo canale navigabile d’Europa, un capolavoro d’ingegneria idraulica frutto del genio di innumerevoli menti in quasi 800 anni di storia. Il Naviglio Grande nasce per sopperire all’isolamento della Milano che, posta appunto in medio planum (che di viene poi lanum con la caduta della “p” nelle lingue celtiche), “nel bel mezzo della pianura”, si trovava lontana dai grandi corsi d’acqua e dal mare, indispensabili vie di comunicazione. Già gli antichi Romani avevano…

Una giornata sul Lago d'Orta

Il più romantico dei bacini lacustri

Vota questo articolo
(0 Voti)
Orta, un acquerello di Dio, sembra dipinta sopra un fondale di seta, col suo Sacro Monte alle spalle, la sua nobile rambla fiancheggiata da chiusi palazzi, la piazza silenziosa con le facciate compunte dietro le chiome degli ippocastani, e davanti l’Isola di San Giulio, simile all’aereo purgatorio dantesco, esitante fra acqua e cielo. Così Piero Chiara, lo scrittore dei laghi, esaltava il silenzio di Orta e del suo lago. Ritornata in quest’ameno angolo di Piemonte, dopo una visita negli anni…

Museo Moto Guzzi

Storia di un mito su quel ramo del lago di Como

Vota questo articolo
(0 Voti)
Il Museo Moto Guzzi si trova sul ramo lecchese del Lago di Como, a Mandello del Lario, dentro la storica – ed ancora attiva – fabbrica dal famoso marchio dell’Aquila dalle ali spiegate. L'associazionismo Guzzi, guidato dal Moto Guzzi Club, è sviluppatissimo e registra una fedeltà assoluta, vantando nel mondo oltre 25.000 soci. Le Giornate Mondiali Guzzi permettono, infatti, ai fans di ritrovarsi numerosi in più occasioni e nei diversi raduni e convegni motociclistici organizzati, nel corso di ogni anno,…

Da Como a Brunate

Una funicolare che si chiama "desiderio"

Vota questo articolo
(0 Voti)
Correva l'anno 1894 quando un evento, una meraviglia della tecnica, avrebbe mutato completamente la concezione di una parte di Como. Questa cittadina, con il borgo di Sant'Agostino e i comuni limitrofi, si preparava al grande salto nell'epoca delle linee di comunicazioni di qualità superiore. Stiamo parlando dell'inaugurazione della funicolare fra Como e Brunate! Già nel corso del XIX secolo la nostra città non aveva più potuto scampare al ruolo di nodo di collegamento primario fra l'Italia e l'Europa, fosse soltanto…

Associazione Italiana Parkinsoniani

Grandi cose a piccoli passi

  • Numero: 127
  • Mercoledì, 03 Giugno 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
Sono oltre 1.200, in provincia di Como, le persone colpite da una malattia neurodegenerativa che prende il nome dal suo scopritore, il medico inglese James Parkinson, che nel 1817 per primo la studiò. Secondo stime recenti in Italia sono diagnosticati, ogni anno, 15.000 nuovi casi di malattia di Parkinson, di cui 2.000 in soggetti d’età inferiore ai 40 anni, e si calcola che i malati siano oltre 200.000, con un trend che è destinato ad aumentare. Perché? Perché siamo una…

Orti, arte e tavola

L'importanza della coltivazione al IV Festival degli orti di Monza

  • Numero: 126
  • Lunedì, 11 Maggio 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
«Dio fu il primo a piantare un giardino», diceva Bacone. E non si può certo dire che, nel corso dei millenni, l’umanità sia mai venuta meno alla tradizione biblica del coltivare. Intrecciando l’intera sua esistenza con la terra, l’uomo ha declinato l’arte agreste in ogni suo aspetto: dai giardini, agli orti, passando per le serre, i campi e i frutteti. Persino oggi, nelle affollate e rumorose metropoli, si riserva uno spazio per dedicare se stessi ad un lembo di terra.…

Pasturo

Valsassina da vedere e da gustare

Vota questo articolo
(0 Voti)
  Pasturo, nome che evoca pascoli che, ancor oggi, sono fra i più estesi del territorio lariano. Si trova nel cuore della Valssasina, ai piedi della Grigna Settentrionale. Il torrente alpino Pioverna di fondovalle, il più importante della Valsassina, scorre poco a nord di Baiedo, frazione di Pasturo, menzionata quale luogo strategico per la storica della Valle. Ritrovamenti di punte di freccia e ceramiche del periodo neolitico fanno pensare che qui, fossero insediati i primi nuclei abitati dai locali. In…

Ricerca per Numero

Ultimo numero: 143

Numero

Categoria

Accesso Abbonati

COMMENTI

SPONSOR