Mercoledì, Maggio 24, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

Pigra da scoprire

Con Garibaldi e le streghe dal Casòn al Belvedere

Vota questo articolo
(0 Voti)
Raggiungibile in pochi minuti da Argegno con la funivia, oppure in auto da San Fedele Intelvi, Pigra è un panoramico balcone sul Lago di Como a circa 900 metri s.l.m. Il centro del paese presenta – quale testimonianza di un’antica tradizione d’arte diffusa in tutta la Valle Intelvi – caratteristici portici, bifore, voltini, pittoresche viuzze, scalinate e la bella fontana di San Rocco, in perfette condizioni, poco lontano dall’omonimo oratorio sorto nel 1500 e contenente affreschi del 1600, nonché una…

La speleologia lombarda

Dopo l'EXPO riparte dai più piccoli...

Vota questo articolo
(0 Voti)
Grazie alla collaborazione con la Camera di Commercio di Como gli speleologi lombardi hanno avuto modo di partecipare alla manifestazione internazionale attraverso un piccolo spazio espositivo. Dal 1 Maggio al 31 Ottobre 2015 a Milano si è svolta, infatti, l’Esposizione Universale, che ha visto confluire nel capoluogo lombardo milioni di visitatori. Anche la speleologia lombarda ha avuto a disposizione un piccolo spazio in questa prestigiosa vetrina grazie all’invito ricevuto dalla camera di Commercio di Como. Dopo un rapido consulto, e…

U.N.I.T.A.L.S.I.

Non solo dolore

  • Numero: 133
  • Giovedì, 28 Gennaio 2016 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
Ebbe un avvio insolito la storia dell’U.N.I.T.A.L.S.I., l’Unione Nazionale Italiana Trasporti Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali: una storia iniziata da un dolore personale  trasformatasi, nel tempo, in una straordinaria esperienza collettiva d’impegno e condivisione. Nel 1903 un giovane ragazzo romano, Giuseppe Battista Tomassi, figlio di un domestico di Casa Barberini, affetto da una forma artritica irreversibile che lo costringeva in carrozzina da quasi dieci anni, avendo saputo dell’organizzazione di uno dei primi pellegrinaggi a Lourdes, chiese di parteciparvi con…

Giuseppe Bovara

Un architetto neoclassico

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'architetto e ingegnere Giuseppe Bovara, figlio di Giacomo, nasce a Lecco il 12 giugno 1781 da una famiglia abbiente grazie all’attività della filatura. Nel 1799 frequenta l'Accademia di Belle Arti di Milano, seguendo i corsi di Giocondo Albertolli, e nel 1800 la scuola dei padri Barnabiti di Sant’Alessandro a Milano, iscrivendosi quindi alla scuola di geometria e fisica a Brera, dove poi collaborerà anche con gli Astronomi dedicandosi alla stesura della carta topografica del Regno. Nel 1803 si laurea in…

Montespluga

Un pittoresco presepe di montagna

Vota questo articolo
(0 Voti)
Al sommo della Valle Spluga, o Val San Giacomo, è possibile raggiungere, anche d’inverno, il pittoresco agglomerato di Montespluga a metri 1908. Adagiato in una conca ai piedi del “Cunu aureu” (così era chiamato il Passo Spluga sulla “Tabula Peutingeriana”, un “itinerarium pictum” delle principali vie conosciute dai romani), questo minuscolo villaggio alpino nella stagione invernale fa pensare ad un presepe adagiato ai margini di un lago ghiacciato, tutto circondato da un mare bianco di neve e, di notte, illuminato…

Santo Stefano a Dongo

Un'antica cattedrale solitaria in riva al Lago

  • Numero: 132
  • Martedì, 01 Dicembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  Sulle sponde del lago di Como, dove la foce del torrente Albano rilascia le sue acque, all'ombra del monte Legnone, sorge Dongo. Da qui, in passato, passavano carovane di mercanti e quatti contrabbandieri diretti, inerpicandosi attraverso il passo di San Jorio e i Grigioni, alla volta di Bellinzona e della Germania. La cittadina deve molto del suo sviluppo ai ricchi giacimenti di ferro della vallata dell'Albano ma è stata fin dall'antichità un importante centro di diffusione del cristianesimo in…

ALOMAR

Una mano ai malati reumatici

  • Numero: 132
  • Martedì, 01 Dicembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
Un comasco su dieci soffre di problemi reumatici e sono oltre 5milioni i pazienti sul territorio nazionale. La diagnosi però, troppo spesso, arriva quando la malattia è già in fase avanzata, mentre una scoperta precoce del problema è in grado di ridurre del 50% il rischio che la malattia diventi cronica e invalidante. L’esordio di queste patologie può essere molto subdolo: spesso il primo sintomo è il “dolore reumatico”, in genere banalizzato perché attribuito all’età, alle variazioni climatiche o ad…

I Re Magi nel territorio comasco

Un'indelebile tradizione popolare

  • Numero: 132
  • Martedì, 01 Dicembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
In moltissime chiese comasche si possono ammirare dipinti o bassorilievi che raccontano l’Adorazione dei Re Magi, importanti sono i quadri e le lunette del Duomo o l’affresco della basilica di San Fedele. Ovunque ci siano scene della vita della Vergine i tre Magi sono presenti e portano doni al Bambinello. Tuttavia, indipendentemente da queste rappresentazioni, il territorio comasco ha mostrato particolare interesse a questo argomento anche per le vicissitudini occorse alle reliquie di questi personaggi. Le loro spoglie, rinvenute in…

Gli animali fantastici di Alessandro Mazzucotelli

La sensibilità faunistica di un artista Liberty del ferro

  • Numero: 131
  • Martedì, 03 Novembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Chi volesse passare in via Spadari a Milano si potrebbe fermare ad ammirare i ferri battuti di Alessandro Mazzucotelli sui balconi di casa Ferrario. Si tratta di un'opera d'arte Liberty. L'illustre artefice del ferro era nato a Lodi nel 1865 e aveva lavorato a Milano lasciandovi numerosissime e splendide testimonianze. Quei balconi aggiungono movimento, originalità ed energia alla bella casa progettata da Ernesto Pirovano nel 1903. Mazzucotelli interpretava il liberty in modo magistrale, come dimostrano i motivi zoomorfi e fitomorfi…

L'oratorio di San Salvatore a Casorezzo

Un piccolo gioiello romanico

  • Numero: 131
  • Lunedì, 02 Novembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nella botte piccola c’è il vino buono. Nel caso dell’oratorio di San Salvatore, a pochi chilometri in linea d’aria dal modernissimo? Expo Milano, oltre alle dimensioni ridotte, la botte è anche esternamente modesta alla vista. Gli interni, infatti, sono la vera chicca nascosta. Ed è per questo che il vino si fa ancora piacevolmente più prelibato. Quella che all’occhio dei più appare solo un’umile struttura di campagna in realtà, grazie a restauri dei primi anni Novanta, ha disvelato al mondo…

Valmadrera, la parrocchiale di sant'Antonio Abate

Protettore degli animali da cortile

Vota questo articolo
(0 Voti)
  Ogni 17 di gennaio, a Valmadrera, si celebra la festa patronale di Sant’Antonio Abate – tradizionalmente ritenuto il protettore degli animali domestici – al quale è dedicata l’imponente parrocchiale. Tale titolazione non venne attribuita all’origine ma a seguito della devozione da parte della comunità agricola, quando la stessa assunse un peso notevole sull’economia locale. Il territorio di Valmadrera era originariamente composto da piccoli nuclei nelle attuali località di San Dionigi, Caserta, Ceppo e San Tomaso, i cui abitanti si…

Ricerca per Numero

Ultimo numero: 143

Numero

Categoria

Accesso Abbonati

COMMENTI

SPONSOR