Venerdì, Novembre 17, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

Il santuario della Madonna Addolorata

Una preziosa testimonianza all’ombra del Resegone

  • Numero: 143
  • Mercoledì, 22 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il piccolo edificio sacro dedicato alla Madonna Addolorata, costruito tra il 1849 e il 1859 in località detta "della Rovinata", è ben visibile su di un terrazzo panoramico alle pendici del monte Resegone, al di sopra del vecchio nucleo del rione lecchese di Germanedo. È possibile raggiungerlo percorrendo nel bosco una mulattiera in ciottolato, lungo la quale si snodano le cappelle di una Via Crucis, le cui ultime due sono poste ai lati della facciata del santuario stesso.In origine qui…

Piani di Bobbio e di Artavaggio

Un universo sotterraneo ancora sconosciuto

Vota questo articolo
(0 Voti)
I Piani di Bobbio e di Artavaggio si trovano nelle Prealpi Lecchesi e sono costituiti da una successione di altipiani in quota (1600–1800 metri) delimitati da una catena di cime che si estende quasi parallelamente alla Valsassina. L’area è nota come importante comprensorio sciistico invernale e rappresenta la meta di una moltitudine di escursionisti e arrampicatori durante la stagione estiva. Sono però in pochi a sapere che la zona nasconde un vasto e profondo sistema carsico, allo stato attuale praticamente…

La “Venere Ceraunia”

A Cerano d'Intelvi a caccia di misteri

Vota questo articolo
(0 Voti)
A chi risale la Valle Intelvi da Argegno si presenta la visione di un monte dalla caratteristica forma conica e dalle pendici fittamente boscate. Originariamente era detto Auragio ma da tutti è conosciuto come San Zeno, alla base del quale sorge il solatio abitato di Cerano. Una  spiegazione del nome antico è rintracciabile, probabilmente, nella presenza di monaci provenienti dalla casa madre di Cluny sul territorio lariano già dall’XI secolo, laddove vi erano state filiazioni per riaccendervi la fede. Monaci…

CESTUDEC

Dai temi sulla sicurezza alla storia militare

  • Numero: 143
  • Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Global network creato per trattare i temi della sicurezza, della difesa, dell’intelligence e della storia militare, Cestudec (Centro Studi Strategici Carlo de Cristoforis) ha collaborato e collabora tuttora con importanti realtà del territorio nazionale e internazionale. Ce ne parla in questa intervista il suo Presidente, il Prof. Giuseppe Gagliano, laureato in Filosofia all’Università degli Studi di Milano.   Quando è nato il suo Centro e di cosa si occupa?Il Cestudec (Centro Studi Strategici Carlo de Cristoforis) nasce nel 2011 a…

A.I.F.V.S.

Impariamo a guidare nel rispetto della vita

  • Numero: 143
  • Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Ogni anno in Italia scompare un paese di 6.000 persone. Tali sono le vittime delle strade: 300.000 sono i feriti e oltre 20.000 i disabili prodotti da questa guerra non dichiarata. Dopo ogni incidente grave inizia un doloroso ed estenuante iter legale che dovrebbe portare all’individuazione delle responsabilità e alla punizione dei colpevoli con pene commisurate alla serietà dei loro reati per assicurare alle vittime e ai loro familiari un risarcimento equo. In questo campo, però, l’Italia si distingue negativamente…

Essere giovani magistrati oggi

Soddisfazioni e sensazioni

  • Numero: 143
  • Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
L’idea di provare il concorso in magistratura mi era balenata durante l’università, subito dopo la strage di Capaci, quando nel 1992 Cosa Nostra uccise il giudice Falcone. Ero consapevole che si trattava di un concorso estremamente difficile, molto aleatorio — sia per il numero di partecipanti che per le prove scritte —, e coltivavo il desiderio di essere magistrato più per un'ambizione che per una concreta prospettiva. Inoltre, l’incertezza dei tempi di accesso in magistratura rischiava di spostare sempre più…

SLA(nciati)

Uniti contro la malattia

Vota questo articolo
(0 Voti)
Il 29 ottobre 2016, presso l’aula Magna del Politecnico di Como, si è tenuta una manifestazione ideata dal dr. Antonio Paddeu, Primario del reparto di Riabilitazione Cardiorespiratoria “Paola Giancola” presso l’Ospedale di Cantù, e organizzata, con rara maestria, dalla dott.ssa Stefania Marino, responsabile di Labor Medical Srl, agenzia sita in via Brianza n. 65 a Cantù. Il tema della serata — come si evince dal titolo — era finalizzato a sensibilizzare l’opinione pubblica su una grave malattia, la SLA, sulle…

Quelle “Rupi del vino”

Un museo etnografico-agricolo

  • Numero: 142
  • Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  «Vallis erat formosa satis, nimis apta colonis, / moribus ornata, est vallis Tellina vocata / Arboris est illic vitum generosa propago, / fertilis est frugum, satis est ibi copia lactis […]». Lo storico Anonimo Cumano, che narra la guerra decennale fra Milano e Como (1118-1127), descrive la Valtellina come un territorio bello, fertile di nobili costumi e generoso di viti.Ancor oggi, il reticolo di vigneti e il susseguirsi di ripide terrazze nel soleggiato versante Retico segnano il paesaggio della…

La Madonna dell’Ongero

Una chiesa sulle pendici del monte arbostora

  • Numero: 142
  • Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Vi voglio portare in un luogo incantato, nel mezzo di un folto bosco sulle pendici del Monte Arbostora, non lontano da Lugano; un luogo magico dove sorge una solitaria e bellissima chiesa dedicata alla Madonna dell’Ongero. È aperta solo in estate, quando i giovani della comunità “Palavra viva” se ne prendono cura e vi accolgono con una fumante tazza di tè profumato. Ci si arriva dalla parte alta di Carona, attraverso un ampio sentiero che inizia dove si trova la…

MU.R.A.C.

Un tuffo sotterraneo nella storia

  • Numero: 142
  • Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  "Umanità, imparzialità, neutralità, indipendenza, carattere volontario, unità, universalità." I sette principi del Movimento Internazionale Croce Rossa e Mezzaluna   Era solo il 2012, una manciata di anni fa, quando due architetti, Gianmarco Martonara e Marco Castiglioni, chiamati a fare dei rilievi nella sede della Croce Rossa di Como, scoprirono l’esistenza di un rifugio antiaereo proprio sotto l’edificio.Trenta sono i rifugi da loro ritrovati, ma quello di via Italia Libera, all’interno di questo speciale sito, sede ai tempi del Comitato…

contro l’ictus c’è A.L.I.CE

Associazione per la lotta all’ictus cerebrale

  • Numero: 142
  • Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
L’ictus, un danno cerebrale causato da un improvviso disturbo circolatorio, è una malattia molto frequente e grave. In Italia sono 950mila le persone che ne sono affette e i casi che si verificano ogni anno sono circa 200mila: una persona ogni tre minuti! Di questi, 70mila muoiono entro il primo anno, di quelli che sopravvivono, 50mila presentano un’invalidità grave. Proprio per migliorare la qualità della vita e alleviare le difficoltà nella riabilitazione di questi malati nei Reparti di Neurologia (Stroke…

Ricerca per Numero

Ultimo numero: 143

Numero

Categoria

Accesso Abbonati

COMMENTI

SPONSOR