Martedì, Luglio 25, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

L'esistenza dell'assenza

La Cruna del Lago

  • Numero: 109
  • Domenica, 10 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
L’estate è tempo di vacanze. Cuore e intelligenza sono padroni del tempo. Relax ma anche riflessione, su se stessi e sugli altri. In estate mi avviene di sentirmi “solo” in mezzo alla gente che cerca di divertirsi a tutti i costi. Genitori che rincorrono i figli, figli che scappano dai genitori, suocere invadenti, nuore stizzite, mariti che “il sugo come lo faceva la mia mamma non lo fa nessuno”, ciclisti alla ricerca di piste ciclabili... Mi avviene anche di sentirmi…

Il Bildeberg e quella settimana a Villa d'Este

Un Commissario, una storia

Vota questo articolo
(0 Voti)
Si è tenuta a Londra, il 5 giugno scorso, la riunione annuale del Bildeberg. Una prestigiosa e misteriosa associazione, se così la si vuol chiamare, sconosciuta ai più. Si riunisce una volta all’anno, sempre in una nazione diversa. Raggruppa economisti, industriali, uomini di stato e personalità varie interessate alle sorti dell’economia. Si favoleggia che in dette riunioni si giostrino i destini economici del mondo, prevalentemente dell’Europa e dell’America. Tale consesso prende il nome dall’hotel in cui si tenne per la…

Inchiostro simpatico - L'occasione da non perdere

Il racconto

  • Numero: 108
  • Sabato, 09 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
«Complimenti! Lei ha una pelle perfetta, che tessuto compatto, luminoso, omogeneo, che levigatezza che sottigliezza. Signora Dea, qualsiasi uomo non potrebbe che trovarla irresistibile». «Ma bravissima! Ha scelto la scarpa della seduzione, un modello straordinario. Devo però riconoscere che nel suo caso anche le più semplici ballerine non avrebbero sminuito la sua attrattiva». «Il nuovo taglio le valorizza gli occhi, gli zigomi, il collo. Un’opera d’arte. No non alludevo al mio lavoro, ma a lei, discreta, eppure eccentrica, di ineguagliabile…

Senza scrupoli

Il racconto

  • Numero: 107
  • Giovedì, 07 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Virgilio Maria Drago non aveva mai provato un simile sentimento. Non che si sentisse proprio male per l’inedito turbamento, ma disorientato quello sì. Riconosceva reazioni e moti dell’animo messi in rima nelle poesie e nelle canzoni, raccontati in altrui confidenze e trame di film, ma mai sperimentati su di sé prima di quel fatale incontro. Aveva visto Jole in un bar dove era capitato per caso e saputo all’istante che sarebbe stata la donna della sua vita. Una divinità amica…

Asdrubale e le gemelline

La Cruna del Lago

  • Numero: 107
  • Giovedì, 07 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  I miei lettori forse ricordano Asdrubale, un amico che qualche volta è stato indesiderato protagonista di questa rubrica. Un bell’amico Asdrubale, un amico di quelli che non esitano a “rompere le scatole” nei modi e nelle ore meno opportune perché succede sempre tutto a lui. I miei “ventisei” lettori, uno in più dei “venticinque” che Don Lisander si attribuisce per i suoi “Promessi Sposi”, sanno che Asdrubale appena ha un problema, e lui da perennemente depresso a causa di…

Conversazioni con le bambole

Il racconto

  • Numero: 106
  • Martedì, 05 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  Carolina dimostrava meno dei suoi quindici anni sia per l’aspetto di bambina sia per i comportamenti molto più infantili rispetto alle coetanee. A scuola faceva fatica a stare dietro alle lezioni e non di rado sentiva la testa piegarsi in avanti, i suoni attenuarsi e si abbioccava. I risultati erano scarsi e la mortificazione per i continui insuccessi sarebbe stata davvero avvilente se per la ragazzina non ci fosse stato un retroterra familiare tanto confortante quanto mistificante. Il che,…

Un'ora di paura folle

La Cruna del Lago

  • Numero: 106
  • Martedì, 05 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La vellutata

Il racconto

  • Numero: 105
  • Lunedì, 04 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Ersilia Costa e Pellegrino Pirovano alla sera, a tavola, si raccontavano i fatti salienti della giornata, tra banalità, chiacchiericci, riflessioni sulla fatica quotidiana e accenni a programmi limitati all’arco di una settimana e al raggio di pochi chilometri. Per Ersilia, che lavorava come contabile da casa, la vita si svolgeva prevalentemente tra le mura domestiche; per Pellegrino, venditore di mobili, il territorio era molto più ampio. In genere attraversava la Lombardia, con la macchina, ma qualche volta gli capitava di…

Fuga dal lager e ritorno a casa

La Cruna del Lago

  • Numero: 105
  • Lunedì, 04 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  Riassunto delle puntate precedenti Emilio fa il carabiniere a Saronno, Angela la sartina a Milano. Si conoscono, si innamorano, si sposano contro la volontà dei genitori di Angela che non vogliono sapere di quel “terun” che vuole portare via la loro figlia più amata. Al matrimonio la mamma di Angela non c’è, ma presto sarà conquistata dal sorriso di Emilio. I due vanno ad abitare a Ponte Chiasso. Scoppia la guerra ed Emilio viene mandato in Jugoslavia. Insieme ad…

La locandina di presentazione

La Cruna del Lago

  • Numero: 104
  • Lunedì, 04 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Ci siamo lasciati ne “La cruna del lago” del mese di febbraio con mio padre Emilio, in guerra in Yugoslavia, miracolosamente scampato alla morte dopo uno sfortunato incontro con un gruppo di partigiani slavi. Oggi non voglio oggi parlare di lui. Oggi al centro della mia attenzione ci sono “io”. A costo di apparire “Narciso” e di finire, come lui, annegato nello stagno della più spudorata presunzione, voglio raccontare un aneddoto che mi ha “commosso”. Il mese scorso, in occasione…

Superficialità di osservazione

Il racconto

  • Numero: 104
  • Lunedì, 04 Agosto 2014 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
La piazza era già illuminata e intiepidita dal sole primaverile e le finestre spalancate lasciavano intravedere ora una donna curva con un aspirapolvere, ora un uomo grasso al cellulare, ora una vecchietta traballante che parlava al gatto. Pochi, in realtà, gli appartamenti di abitazione usuale, poche le persone regolarmente presenti, ma ripetitive nei loro gesti come la signora con la vestaglia turchese che fuma dalle sei del mattino mentre lascia cadere la cenere nel vuoto. Insomma un piccolo mondo di…

Ricerca per Numero

Ultimo numero: 143

Numero

Categoria

Accesso Abbonati

COMMENTI

SPONSOR