Mercoledì, Settembre 20, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

Le armi nell'araldica e nella storia

Un breve exursus

Vota questo articolo
(0 Voti)
ARMI E ARALDICA L'araldica studia gli stemmi. Gli stemmi araldici sono detti anche "armi" o "scudi". Dunque le "armi" sono l'oggetto dell'araldica. La sinonimia semantica "stemmi = armi" è addirittura glottologica in inglese: "stemma" si dice "coat of arms", letteralmente "soprabito d'armi". Il termine "armi", per "stemma", deriva dalla superficie, ove era raffigurato il blasone. Nel Medioevo il logo identificativo del guerriero era disegnato sui suoi oggetti bellici: scudo, gualdrappa, mantello ed elmo. In effetti, l'uso di identificare i combattenti…

Gli stemmi dei nobili insubri

Della Torre, Odescalchi, Rezzonico

Vota questo articolo
(0 Voti)
 La prima cosa da chiarire quando si parla di araldica è la definizione di ciò che è uno stemma – dal greco στέμμα ovverosia corona, che è l'insieme di scudo ed ornamenti esteriori di un'insegna simbolica gentilizia. E arma che è solo un specificazione del primo. Ovvero una rappresentazione grafica allegorica avente lo scopo di consentire l'identificazione di una famiglia o l'individuazione di uno specifico membro all'interno di detta famiglia. Gli aristocratici solitamente facevano rappresentare i propri contrassegni identificativi proprio…

Lo scrittore abita qui - I quattro tetti di Cesare Pavese

Vota questo articolo
(0 Voti)
  Sulla strada per Canelli s’alza un sipario invisibile che conduce in una dimensione senza tempo. Si ha la sensazione di entrare fisicamente nel mito, in un luogo ideale, un luogo della memoria, quello dei “4 tetti” che hanno ispirato Cesare Pavese, autore che è diventato un classico della letteratura italiana e internazionale pur mantenendo un forte legame con le sue radici piemontesi.   Il mio paese sono quattro baracche e un gran fango, ma lo attraversa lo stradone provinciale…

Corpi gloriosi

Eroi greci e santi cristiani

  • Numero: 132
  • Mercoledì, 02 Dicembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  CORPI GLORIOSI EROI GRECI E SANTI CRISTIANI di M. Beonio Brocchieri Fumagalli e Giulio Guidorizzi Laterza - 170 pagine - € 18,00 San Brandano d'Irlanda naviga verso terre ignote spinto come Ulisse dal desiderio di conoscere; Gregorio Magno come Edipo nasconde nel cuore la colpa dell'incesto; Maddalena come Elena appare irresistibilmente seducente; san Giorgio vince il drago come Perseo: nelle storie e nelle leggende medievali sui santi rivive il mito degli eroi antichi. Anche gli eroi cristiani intervengono a…

Il cibo di Francesco

Anche di pane vive l'uomo

  • Numero: 132
  • Mercoledì, 02 Dicembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
   IL CIBO DI FRANCESCO ANCHE DI PANE VIVE L'UOMO di Giuseppe Cassio e Pietro Messa Edizioni Terra Santa - 96 pagine - € 9,00 “Il vangelo secondo Matteo narra che al diavolo che gli proponeva di trasformare i sassi in pane Gesù rispose «Sta scritto: Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio» (Mt 4,3-4). La frase è un rimando a quanto scritto nel libro del Deuteronomio: «Egli dunque ti ha…

Focus - Mostri mostrissimi

Vivere il buio senza paura

  • Numero: 132
  • Martedì, 01 Dicembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  Come si può aiutare i bambini a fronteggiare la paura del buio? Semplice con il nuovo libro “Mostri Mostrissimi” scritto e disegnato da Giada Negri, giovane illustratrice e psicologa-psicoterapeuta che utilizza la fotografia come strumento introspettivo. La pubblicazione contiene una sezione di attività creative da utilizzare in ambito familiare, educativo o terapeutico per accompagnare i più piccini a fronteggiare le proprie paure nel mondo notturno. Semplice ma accattivante, con questo libricino i bimbi potranno adottare e coccolare uno dei…

Feste alla frontiera

Sulle orme di Linati

Vota questo articolo
(0 Voti)
  È rimasto un desiderio inappagato quello di Carlo Linati, il più limpido e convincente scrittore comasco del Novecento. Questa rivista lo ebbe elegante collaboratore nei lontani anni del suo debutto (1928). Fu poi una firma illustre del Broletto a partire dal 1935. Aveva nella sua copiosa produzione letteraria da “Nuvole e paesi” del 1919 a “Sulle orme di Renzo” e alle “Tre Pievi” del 1922, dai “Doni della terra” alle “Passeggiate lariane” del 1939. Aveva anche ventilato l’ipotesi di…

Due eminenti vescovi di Como

Il patrono della città

Vota questo articolo
(0 Voti)
Abbondio, quarto vescovo di Como e patrono della città, era un greco di Tessalonica. Venne a Como come coadiutore del vescovo Amanzio e si distinse per le sue capacità evangelizzanti e diplomatiche. Era molto stimato da Amanzio, il quale, sul letto di morte, nel 440, lo nominò suo successore. Si narra che, durante l'incursione unna del 450, Abbondio abbia guidato i Comaschi fuori della città per sfuggire alla furia dei barbari. I Comensi si sarebbero rifugiati sui monti sovrastanti il…

Gli animali e il letargo invernale

Voi leggete l'articolo, loro dormono

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ammettetelo candidamente: nei mesi più freddi dell'anno piacerebbe anche a voi poter passare gran parte del tempo sdraiati sotto alle coperte, al caldo, per lo più a dormicchiare! Alcuni animali, lo sappiamo, lo fanno e già in autunno entrano in letargo: eccomi quindi a presentarvene alcuni, alcuni di quelli “nostrani” che mentre io scrivo e voi leggete se la stanno dormendo alla grandissima. Ma, prima di tutto, cos'è davvero il letargo? Ecco, semplicemente una necessaria strategia di sopravvivenza. Di fronte…

Hybris

La fabbrica de mostro nell'arte moderna. Omuncoli, giganti e acefali

  • Numero: 131
  • Giovedì, 26 Novembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  HYBRIS LA FABBRICA DEL MOSTRO NELL'ARTE MODERNA. OMUNCOLI, GIGANTI E ACEFALI di Jean Clair Johan&Levi editore - 166 pagine - € 24,00 Omuncoli, giganti e acefali. L’anno che segna l’avvento di questa piccola fabbrica dei mostri è il 1895: le numerose scoperte e teorie rivoluzionarie che lo caratterizzano – il cinema la psicoanalisi, le ricerche neurologiche di Penfield e i primi studi sull’isteria, i raggi x – impediscono agli artisti di continuare a rappresentare il corpo così come si…

Bestiario medievale

Animali simbolici nell'arte cristiana

  • Numero: 131
  • Giovedì, 26 Novembre 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
 BESTIARIO MEDIEVALE ANIMALI SIMBOLICI NELL’ARTE CRISTIANA di Luca Frigerio Àncora - 526 pagine - € 59,00 Mostri grotteschi, bizzarri centauri e tigri maculate fanno capolino da chiostri di antichi monasteri, imponenti cattedrali e codici miniati. Luca Frigerio, giornalista, scrittore e fotografo, redattore della sezione dedicata alla cultura dei periodici della diocesi di Milano, autore di saggi e documentari dedicati all’arte, ha composto questo interessante volume dedicato agli animali simbolici sacri. 526 pagine, cinque sezioni, puntuali apparati e un ricco corredo…

Ricerca per Numero

Ultimo numero: 143

Numero

Categoria

Accesso Abbonati

COMMENTI

SPONSOR